Primo contatto

DS 7: viaggiare in business class

di Marco Coletto -

Abbiamo guidato la DS 7: la SUV compatta "premium" francese - restyling della DS 7 Crossback - punta tutto sul comfort e può vantare una dotazione di serie ricchissima

Dietro un nome tutto nuovo – DS 7 – si nasconde in realtà il restyling della DS 7 Crossback: una SUV compatta “premium” francese, disponibile a trazione anterioreintegrale, rivolta a chi in una crossover cerca comfort ed eleganza.

Nel nostro primo contatto abbiamo avuto modo di guidare la DS 7 più esclusiva (e costosa) del listino: la E-Tense 360. Scopriamo insieme i suoi pregidifetti.

DS 7: cosa è cambiato rispetto alla DS 7 Crossback

Sono numerose le novità introdotte dalla DS 7. Nel frontale spiccano i nuovi fari DS Pixel LED Vision 3.0 più sottili: i moduli identificativi sono sempre tre ma il flusso luminoso è più potente e regolare e la portata è aumentata fino a 380 metri (per gli abbaglianti) e fino a 65 metri in città. Sul margine interno sono presenti due unità di gruppi ottici anabbaglianti e luci laterali che si illuminano insieme mentre sul margine esterno l’unità abbagliante Pixel presenta 84 LED su tre file. Da non sottovalutare, inoltre, le luci diurne DS Light Veil: un sistema composto da una luce di marcia diurna e da quattro elementi luminosi verticali costituito da 33 LED. La superficie in policarbonato incisa al laser viene dipinta all’interno per conferire un aspetto che alterna la luce a componenti in tinta con la carrozzeria.

Nella coda segnaliamo i fari posteriori a LED con effetto vortice (a scaglie e più sottili, ripensati con una finitura metallica scura) e il portellone posteriore e il logo rielaborati con linee più affilate e con il badge “DS Automobiles” posizionato dietro al posto del lettering Crossback.

Sotto il cofano troviamo il nuovo motore 1.6 turbo ibrido plug-in benzina da 360 CV oggetto del nostro primo contatto (un propulsore già visto sulla DS 9) mentre nell’abitacolo è impossibile non notare il rinnovato sistema di infotainment, migliorato ma ancora un po’ troppo macchinoso.

DS 7: come va la versione E-Tense 360

Non fatevi ingannare dai 360 CV e dalle prestazioni sportive (“0-100” in 5,6 secondi): la DS 7 E-Tense 360 protagonista del nostro primo contatto è una SUV compatta che predilige le andature rilassate. Il motore 1.6 turbo ibrido plug-in benzina – composto da un’unità termica da 200 CV e da due propulsori elettrici (uno anteriore da 110 CV e uno posteriore da 112 CV) – spinge forte quando viene sollecitato ma regala le cose migliori nei lunghi viaggi in famiglia: un’unità silenziosa abbinata a un cambio automatico (convertitore di coppia) a otto rapporti che regala passaggi marcia fluidi.

La versione più grintosa della crossover transalpina si distingue dalle “sorelle” meno potenti per il telaio ribassato di 1,5 cm, per la carreggiata più larga (+ 2,4 cm davanti, + 1 cm dietro), per i freni anteriori da 380 mm con pinze DS Performance e per i giganteschi cerchi in lega Brooklyn da 21″. Nelle curve, però, bisogna fare comunque i conti con un comportamento stradale più rassicurante che agile caratterizzato da sospensioni morbide e da uno sterzo un po’ troppo leggero.

DS 7: i motori

La gamma motori della DS 7 è composta da quattro unità sovralimentate:

  • un 1.6 turbo ibrido plug-in benzina E-Tense da 225 CV
  • un 1.6 turbo ibrido plug-in benzina E-Tense da 300 CV
  • un 1.6 turbo ibrido plug-in benzina E-Tense da 360 CV
  • un 1.5 turbodiesel BlueHDi da 131 CV

DS 7: prezzo e dotazione di serie

La DS 7 E-Tense 360 protagonista del nostro primo contatto ha un prezzo molto alto (74.100 euro) e una dotazione di serie ricchissima:

  • Black Pack
  • DS 360 Vision
  • DS Night Vision
  • Hi-Fi System Focal Electra
  • Antifurto
  • Interni in pelle Nappa
  • Plancia e tunnel in pelle Nappa
  • Sedili anteriori ventilati con funzione massaggio
  • Schienale sedili post regolabile elettricamente
  • Filtro antipolline e anti allergico
  • Vetri acustici stratificati
  • Parabrezza termico
  • Portellone posteriore apribile elettricamente
  • Easy Access portellone posteriore
  • DS Connected Pilot
  • Wireless Charging
  • Climatizzatore automatico bizona esteso
  • Tetto panoramico apribile
  • Pedaliera in alluminio
  • Telecamera di retromarcia
  • Orologio B.R.M. R180
  • Tappetini anteriori e posteriori con battitacco in alluminio
  • Sedili anteriori regolabili elettricamente
  • DS Pixel LED Vision
  • Bracciolo posteriore
  • Vetri posteriori oscurati

Sicurezza e assistenza alla guida

  • 6 airbags
  • ABS, Emergency Brake, ESP e REF
  • Lane departure warning
  • Driver attention warning
  • Active Safety Brake fino a 140 km/h
  • Rilevatore bassa pressione pneumatici
  • Kit di riparazione pneumatici
  • Blind spot detection
  • Driver attention alert

Assistenza alla guida

  • Alzacristalli elettrici anteriori e posteriori
  • Cruise Control
  • DS Active Scan Suspension
  • Parabrezza oscurato e acustico
  • Sensori luci e pioggia
  • Comfort Access
  • Freno di stazionamento elettronico
  • Accensione auto senza chiavi
  • Sensori di parcheggio anteriori e posteriori
  • Traffic Sign recognition

Interni e comfort

  • Retrovisore interno elettrocromatico
  • 1 presa 12V in fila 1 e presa 12V nel bagagliaio
  • Retrovisori esterni richiudibili elettricamente
  • Bracciolo anteriore

Design

  • DS Wings cromate
  • DS logo projection

Sedili e materiali

  • Leva cambio in pelle
  • Volante in pelle multifunzione
  • Regolazione lunghezza seduta dei sedili anteriori
  • Regolazione lombare (sedile conducente)
  • Sedili posteriori frazionabili 2/3-1/3
  • Attacchi Isofix (sedile passeggero + 2 sedili posteriori)

Infotainment

  • DS Iris Touchscreen 12″ e riconoscimento vocale
  • DS Navigation con servizi connessi e aggiornamenti OTA
  • Digital Cockpit 12″
  • Radio DAB+ con 1 presa USB-C anteriore e Bluetooth
  • Apple CarPlay e AndroidAuto wireless

DS 7: le novità in 5 punti

  • Motore 1.6 turbo ibrido plug-in benzina da 360 CV
  • Nuovo sistema di infotainment
  • Fari DS Pixel LED Vision 3.0
  • Luci diurne DS Light Veil
  • Design rivisto
Scheda tecnica
Caratteristiche motoreturbo ibrido plug-in benzina, 4 cilindri in linea, 1.598 cc
Cambioautomatico (convertitore di coppia) a 8 rapporti
Trazioneintegrale permanente
Dimensioni4,59/1,91/1,63 metri
Acc. 0-100 km/h5,6 secondi
Autonomia in modalità elettrica57 km
Prezzo74.100 euro

Dove l’abbiamo guidata

Nel nostro primo contatto abbiamo guidato la DS 7 E-Tense 360 da MilanoCantù passando per il lago di Como. Un percorso vario contraddistinto da tratti urbani, extraurbani e autostradali nel quale la SUV francese si è confermata una vettura più orientata sul comfort che sul divertimento.

Una Sport Utility spaziosa e costruita con cura che si differenzia dall’antenata Crossback per un look meno appariscente: merito della scelta azzeccata di ridurre considerevolmente il numero di cromature.

NON TUTTI SANNO CHE – Il comune di Mandello del Lario – noto per la Moto Guzzi – è diviso in due porzioni separate dal lago di Como: la maggior parte del territorio si trova sulla riva orientale mentre su quella occidentale ci sono la frazione Moregge e il versante est del monte Moregallo.

Dove vorremmo guidarla

Avremmo voluto guidare la DS 7 Crossback E-Tense 360 per più tempo in città per valutare l’autonomia reale in modalità elettrica nelle condizioni ottimali.

Le concorrenti

BMW X2 xDrive25e Goldplay Edition La DS 7 E-Tense 360 protagonista del nostro primo contatto non ha rivali dirette: le concorrenti o sono meno potenti o sono più accessibili o entrambe le cose. Come la variante ibrida plug-in della SUV compatta tedesca, un po' duretta sulle buche.
Jaguar E-Pace PHEV R-Dynamic HSE La SUV compatta premium britannica - penalizzata da un bagagliaio non molto ampio - condivide il pianale e il motore con la Land Rover Range Rover Evoque.
Land Rover Range Rover Evoque PHEV R-Dynamic HSE Sfiziosa, costosa e poco pratica: il pianale e il propulsore sono gli stessi della Jaguar E-Pace.
Peugeot 3008 Hybrid4 GT Il motore è lo stesso della DS 7 E-Tense 360 (ma con 60 cavalli in meno). A differenza della "cugina" punta però più sul piacere di guida.