Primo contatto

Nissan X-Trail, sempre in armonia con la natura

di Nina Stefenelli -

Abbiamo provato a lungo la nuova Suv giapponese tra i boschi e le strade della Slovenia. Per ritrovare il piacere del viaggio. In grande relax e comfor e quasi senza inquinare. Perché sulla Nissan debutta il sistema e-Power, una nuova tecnologia ibrida. Molto raffinata.

Sarà che l’ultima volta che sono stata in Slovenia correvano gli anni dell’università e i ricordi erano un po’ offuscati, o che non vedevo l’ora di staccare (letteralmente) la spina dal ritrovato e subito odiato traffico milanese. Sarà, ma è stato facile tornare in Slovenia e immergersi in una atmosfera silvestre e lasciarsi conquistare dalla prova dell’ultima arrivata dalla factory giapponese di Yokohama: Nissan X-TRAIL e-POWER.

Staccare letteralmente la spina, dico, visto che il family SUV da 7 posti, perla rara nel suo mercato di riferimento, non vi chiederà mai di fermarvi a ricaricare la batteria ma solo di godervi l’avventura. Quella che la quarta generazione di X-Trail è pronta a farvi vivere insieme alla famiglia o agli amici, grazie a spazi accoglienti che ricordano il divano di casa, rifiniture e dettagli belli da vedere e da sfiorare, tecnologia intuitiva e funzionale a una guida capace di infondere sicurezza e regalare comfort senza compromessi, adatta a ogni tipo di automobilista e senza dubbio a tutti gli altri ospiti a bordo.

Se le auto del futuro dovranno essere non solo sinonimo di sostenibilità ma anche una versione mobile di tutto ciò che ogni giorno amiamo vivere e condividere all’interno dei nostri spazi personali, abitabilità e qualità degli ambienti, connettività e sicurezza, innovazione e evasione dallo stress quotidiano, l’ultima born electric targata Nissan è la risposta alla voglia di sentirsi in perfetta armonia con la propria auto e ciò che ci circonda, soprattutto fuori dalla giungla urbana.

Del resto Nissan X-Trail vantava già una fama non indifferente. SUV più acquistato nel 2017, con vent’anni di onorata carriera alle spalle e vendite che toccano quota 7 milioni di vetture nel globo, la sport utility vehicle amante della libertà è tra le teste di serie della casa nipponica; nella nuova versione, che per la prima volta affianca alla tecnologia Nissan e-POWER la trazione integrale e-4ORCE, si prepara a conquistare altri cuori selvaggi.

Ci sono voluti 5 anni di lavoro per metterla in strada e arrivare a un concentrato vincente di ottime prestazioni sui diversi tracciati, dall’asfalto al fango più insidioso, dai manti sconnessi alle discese impegnative, dove è un piacere affidarsi alle tecnologie più innovative. Vi piacerebbe usare un solo pedale per guidare – attivando l’e-Pedal Step, per la prima volta su X-Trail, potete avanzare e frenare solo con l’acceleratore – o sentirvi talmente al sicuro da staccare entrambi i piedi mentre affrontate una pendenza difficile in mezzo al bosco? Io dico di sì, e mi rincuora sapere che una macchina oggi sa fare anche questo: assistermi al meglio in ogni situazione.

Poi ci sono le chicche di stile e di design, quello intelligente oltre che attraente: i rivestimenti in pelle Nappa trapuntata, con le cuciture che mappano l’abitacolo e che ti fanno sentire come se un sarto ti avesse disegnato addosso la tua auto; il poggia gomiti con l’apertura “a farfalla” posizionato tra i sedili anteriori, per smettere finalmente di disturbare chi è davanti; i posti riscaldati anche per i passeggeri in seconda fila, considerati chissà perché sempre un po’ figli di un dio minore dai progettisti di automobili; o ancora, le portiere posteriori che ora regalano una generosa apertura di 90°, un piccolo accorgimento che fa una grande differenza, insieme a una capacità di carico aumentata a 585 litri, con 16 separatori a disposizione per diverse configurazioni. Insomma, questa volta non avrete più scuse per lasciare a casa la suocera o l’amico antipatico.

Ma come batte il cuore della nuova X-Trail? È il motore elettrico da 204 CV (150 kW) a dare vita al movimento della vettura, caratterizzato da quell’inconfondibile guida fluida e rilassante, senza privarsi però di una grintosa accelerazione, grazie a una coppia di 330 Nm subito pronta, in pianura come nei boschi, mentre il turbo benzina tre cilindri da 1,5 litri fa il lavoro sporco – a voi basterà fare benzina – assicurando energia all’inverter e così alla batteria, al propulsore elettrico o a entrambi.

Il “trucco” c’è ma non si vede, poiché la potenza termica non arriva mai direttamente alle ruote. Un concentrato di efficienza a cui si aggiunge la trazione integrale e-4ORCE che garantisce al sistema una potenza totale di 213 CV (157kW) grazie ai due motori elettrici, uno per ogni asse, regalando una forza motrice capace di mangiarsi ogni curva e ogni tipo di terreno senza battere ciglio.

Ed è proprio così che mi sono sentita alla fine del mio viaggio con Nissan X-Trail, al sicuro e sicura di me stessa, coraggiosa, come se fossi Thelma in compagnia della mia amica Louise, quella che ti sprona a fare ciò che hai sempre voluto ma non hai mai osato fare, ricaricata da una insolita voglia di evadere, di andare a scovare orizzonti differenti, al volante di una macchina che non è solo una promettente soluzione per un futuro a zero emissioni, ma un vero e proprio passaporto per la libertà, da soli o con tutto il vostro mondo al seguito.