Formula 1

Nyck de Vries: l’altro olandese della F1

di Marco Coletto -

Alla scoperta di Nyck de Vries: il pilota olandese correrà nel 2023 in F1 con l'AlphaTauri dopo una lunga gavetta ricca di successi e un sorprendente debutto nel Circus lo scorso anno


Nyck de Vries è più vecchio di Verstappen, Leclerc e Russell, ha vinto tutto quello che poteva nelle categorie minori eppure ha debuttato in F1 solo lo scorso anno.

Dopo tanta gavetta il driver olandese ha finalmente trovato la propria strada nel Circus. Lo scorso anno ha avuto l’opportunità di debuttare in Formula 1Monza con la Williams rimpiazzando Alexander Albon e non l’ha sprecata tagliando il traguardo in nona posizione con la monoposto più lenta del Mondiale. Un risultato eccezionale che gli ha garantito un sedile con l’AlphaTauri per tutta la stagione 2023. Scopriamo insieme la sua storia.

Nyck de Vries: la biografia

Nyck de Vries nasce il 6 febbraio 1995 a Uitwellingerga (Paesi Bassi) e inizia a farsi notare nel mondo dei kart a 11 anni nei campionati nazionali belgi e olandesi.

I trionfi con i kart

I primi risultati rilevanti arrivano nel 2008: secondo nella serie europea Bridgestone Cup vinta dal russo Daniil Kvyat, titolo WSK KF3 e campione tedesco junior. L’anno seguente bissa il titolo teutonico, diventa campione europeo KF3 davanti allo spagnolo Carlos Sainz Jr. e a Kvyat, trionfa nella WSK International Series davanti al rivale russo e a quello iberico e chiude il Trofeo Margutti KF3 in seconda posizione dietro a Kvyat.

Bicampione del mondo

Nyck de Vries si aggiudica per due anni di seguito il campionato del mondo di kart nel 2010 e nel 2011 (davanti ad Albon). Nello stesso anno porta a casa anche il titolo europeo KF1 sempre davanti al rivale thailandese.

La Formula Renault

Il driver olandese debutta con le monoposto nel 2012 in Formula Renault 2.0 e due anni più tardi conquista il titolo europeo e la serie Alps (davanti a Leclerc). Nel 2015 arriva terzo nel campionato Formula Renault 3.5.

GP3 e F2

Nel 2016 Nyck de Vries sale in GP3 e l’anno successivo passa in F2 ma deve aspettare fino al 2019 per conquistare il campionato (davanti al canadese Nicholas Latifi). In quegli anni inizia anche a cimentarsi nelle gare endurance, senza però brillare particolarmente.

La F1 mancata e la Formula E

Nonostante il trionfo in F2 Nyck non trova un sedile in Formula 1: si deve quindi accontentare di un posto da test driver Mercedes e di un ruolo da titolare in Formula E con il team tedesco. Il pilota olandese non delude e conquista il campionato del mondo 2020/2021 della serie riservata alle monoposto elettriche.

Un 2022 intenso

Nel 2022 Nyck de Vries ricopre il ruolo di tester/pilota di riserva per tre scuderie e ha modo di debuttare in F1 con la Williams nel GP d’Italia per rimpiazzare Albon, colpito da un’appendicite acuta. Il driver olandese sorprende tutti portando a casa un nono posto con la vettura più lenta del Mondiale e si guadagna un sedile per l’intera stagione 2023 con l’AlphaTauri.